Persone naturali e strafottenti è il testo più "scandaloso" e fra quelli di maggiore successo di Giuseppe Patroni Griffi, rappresentato per la prima volta nel 1973, con protagonisti Mariano Rigillo, Gabriele Lavia e Pupella Maggio: un testo crudo, poetico, fra il grottesco, il cinico e il surreale. Il lavoro è prodotto dalla compagnia Teatro Vittoria - Attori&Tecnici e da Planet Arts Collettivo Teatrale ed è nato in seno al progetto Tradizione – Il Teatro di Domani. La regia è di Giancarlo Nicoletti, trentenne regista e autore pluripremiato fra le rivelazioni delle ultime stagioni. Nel cast dei protagonisti Sebastian Gimelli Morosini (Mariacallàs), Michele Balducci (Fred), Cristina Todaro (Violante) e Fabio Minicillo (Byron); il disegno luci è di Daniele Manenti, i costumi di Sebastian Gimelli Morosini, aiuto regia Matteo Volpotti e Sofia Grottoli. In scena al Teatro Vittoria di Roma, l'11 e il 12 Maggio, fra i quattro finalisti della rassegna "Salviamo i Talenti – Premio Attilio Corsini VII edizione".

Quattro solitudini, un appartamento e una notte di Capodanno a Napoli:
Donna Violante, la padrona, ex serva in un bordello, Mariacallàs, un travestito, in bilico fra rassegnazione, ironia, squallore e cattiveria. E ancora, Fred e Byron: l'uno, uno studente omosessuale alla ricerca di una vita libera dalle paure, l'altro, uno scrittore nero che vorrebbe distruggere il mondo per vendicare le umiliazioni subite. Quattro persone naturali e strafottenti, che, per un gioco del destino, divideranno la loro solitudine con quella degli altri, mentre fuori la città saluta il nuovo anno, fra accese discussioni, recriminazioni, desideri repressi, liti e violenze sessuali.

C'è, in questo testo del 1973 di Patroni Griffi, un sottobosco di attualità così tangibile e una poetica di fondo così lucida e disincantata, da farne a tutti gli effetti un testo ancora fortemente contemporaneo, e perciò di teatro necessario. Emarginazione, violenza, distanze socio-culturali, violenza sessuale e psicologica, la ricerca continua di un altro che non esiste: la straordinaria drammaturgia di Patroni Griffi è cruda e ironica, scandalosa e poetica, verbosa e visionaria. Ne viene fuori una tragicommedia dal sapore post-eduardiano e pre-ruccelliano, col respiro di un periodare socio – poetico, che fra cinismi, grettezze e turpiloqui ci restituisce uno squarcio di vita di una generazione senza futuro, un affresco animato da personaggi borderline che appaiono come noi vogliamo vederli: cinici, superficiali, amorali. In realtà si tratta di creature inquiete, sole che soffrono inconsapevolmente la loro condizione nella perenne ricerca di una possibile felicità. E la cercano dando libero sfogo alle pulsioni sessuali e alla loro mercificazione.
Da questo sudore di corpi costretti coattivamente alla ricerca della propria felicità o del proprio illusorio, riscatto, entro le mura di uno spazio vitale / non vitale, che ogni pagina del testo sprigiona chiaramente, l'intuizione di farne uno spettacolo concreto, che si serva della realtà per declinarla in astrazione, in un'esperienza di teatro diretto, e non filtrato dalla convenzionalità rappresentativa, con il fine ultimo di mettersi accanto all'autore, e non davanti, in un rapporto di dialettica e relazione. Per tradurre, declinandola nel contemporaneo, ma senza tradirla, una drammaturgia così sofisticata e imponente, e troppo spesso sottovalutata.

Persone naturali e strafottenti di Giuseppe Patroni Griffi

con Sebastian Gimelli Morosini – Michele Balducci
Cristina Todaro – Fabio Minicillo

Una produzione Teatro Vittoria Attori & Tecnici - Planet Arts Collettivo Teatrale Un progetto Tradizione – Il Teatro di domani
Adattamento Silvia Andreussi – Giancarlo Nicoletti
Foto Luana Belli Video David Melani Trailer Daniele Guarco
Disegno Luci Daniele Manenti Costumi Sebastian Gimelli Morosini
Aiuto Regia Matteo Volpotti – Sofia Grottoli
Ufficio Stampa Rocchina Ceglia
Distribuzione & Promozione Altra Scena Art Management

Regia Giancarlo Nicoletti

Informazioni, orari e prezzi

11 Maggio h 21
12 Maggio 17.30

Biglietti:
intero platea e galleria 10 euro
biglietto ridotto under 35 e over 65 anni 7 euro
Abbonamento ai 4 spettacoli 20 euro

Botteghino:
06 57 40 170
06 57 40 598
lunedì ore 16-19
martedì - sabato ore 11- 20
domenica ore 11 - 13.30 e 16-18

Vendita on-line e info:
teatrovittoria.it

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli