Il viaggio cinematografico sulle cantiche dantesche si arricchisce di un nuovo capitolo: Montagna Infinita, seconda parte del progetto In viaggio con Dante realizzato dalla Società Dante Alighieri con il sostegno di Arcus e della Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie del MAE.

Mentre la Maratona procede ancora a passo sostenuto, con la proiezione speciale nell’ambito delle iniziative promosse dal Ministero degli Affari Esteri per l’Anno della Cultura Italia-USA, e in tutto il mondo presso i comitati della Dante, Istituti scolastici e Istituti Italiani di Cultura, l’opera sul Purgatorio – Montagna Infinita - verrà presentata in anteprima presso la Galleria del Primaticcio di Palazzo Firenze mercoledì 11 dicembre, alle ore 17.30.

Nel corso dell’incontro, introdotto dal Vicepresidente della Società Dante Alighieri Paolo Peluffo interverranno l’Amministratore Unico di Arcus S.p.a., Amb. Ludovico Ortona il dantista Emilio Pasquini, l’Amb. Cristina Ravaglia, Direttore Generale per gli italiani all’estero e le politiche migratorie del Ministero degli Affari Esteri, e Lamberto Lambertini, regista del lungometraggio. In conclusione interverrà Alessandro Masi, Segretario Generale della Società Dante Alighieri.


Il progetto "In viaggio con Dante", iniziato nel 2010 con le riprese della Maratona Infernale, si arricchisce ora di un nuovo capitolo, Montagna Infinita.

Da un’idea del regista Lamberto Lambertini e di Paolo Peluffo, vicepresidente della Dante Alighieri, il progetto In viaggio con Dante, di cui Maratona Infernale e Montagna Infinita fanno parte, è ambizioso:

100 brevi film di 12 minuti - uno per ogni canto della Commedia – girati in luoghi insoliti e sconosciuti di tutta Italia, luoghi famosi, eccellenti, segreti, dimenticati, per un’Italia unita dalla lingua di Dante. La fotografia e il montaggio sono di Carlo Sgambato, le musiche originali di Savio Riccardi, la consulenza storico-artistica è di Valentina Spata, la regia e la voce recitante di Lamberto Lambertini.

Il viaggio del Purgatorio parte dal monumento federiciano di Castel del Monte e prosegue attraverso il respiro arcaico delle chiese rupestri e dei Sassi di Matera, negli 50 "vergogna d'Italia", oggi candidata a capitale europea della cultura. E ancora attraverso quei luoghi dove l’arte si fonde con la spiritualità, dove si possano scovare segni di sapienza misterica, come i monumenti nuragici della Sardegna, di antiche tradizioni, come quella dei carbonai di Piedimonte Matese, della vita degli uomini con gli animali, come le transumanze, e dei culti che non riescono a morire, come la notte delle Lucerne di Somma Vesuviana; luoghi in cui è presente il rito della memoria, con le Erme sul Gianicolo di Roma, o nel Sacrario della Grande Guerra di Redipuglia a Gorizia. E giungere, infine, alla visione della montagna assoluta sulle Alpi di Bolzano.

Informazioni, orari e prezzi

Galleria del Primaticcio di Palazzo Firenze

Ore 17.30

sito web

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli