Ri-tornare, ri-percorrere, ri-sentire, ri-montare sono modalità ricorrenti nel lavoro di Enzo Moscato, affermato autore e interprete del nostro teatro. Anche i testi che vanno a comporre Ritornanti sono stati parte di altri suoi spettacoli qui accostati in maniera diversa. Ciò non significa certo riproporle così come sono o come sono state ma, al contrario, farle agire, respirare, dibattersi, accanto o dentro uno spirito cambiato, nuovo; accanto o dentro un differente modo di capirle o percepirle. Quindi permearle di "altri" sentimenti, che le nutrono, danno loro una nuova vita, una nuova forma, che le fa percepire come diverse anche al pubblico. Dice l'autore: "….. nessuna parola già detta andrebbe abbandonata mai, in teatro. Nessun movimento, nessun gesto, nessun respiro, già vissuti, dovrebbero venir considerati finiti, de-finiti, esautorati. Morti. Il nomadismo della ricerca, lo spostamento continuo del limite attraverso i suoi territori, non dovrebbe esser disgiunto mai dal rassicurante, naturale, portarsi appresso sempre le proprie cose, il proprio passato, le proprie masserizie, ideologiche o grammaticali."

di e con Enzo Moscato
e con Giuseppe Affinito
produzione Compagnia teatrale di Enzo Moscato/Casa del Contemporaneo

Informazioni, orari e prezzi

Ore 19.00

INFO E PRENOTAZIONI:
associazione Cadmo per Le vie dei Festival 334.8464104 infoleviedeifestival@gmail.com www.leviedeifestival.com

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli