Un'opera di Oscar Wilde molto nota e poco rappresentata

Salomè è un grande archetipo, un simbolo eterno di amore e morte ma la sua versione lirica è comunemente rappresentata mentre il capolavoro di Wilde sembra destinato più alla lettura che alla rappresentazione. In effetti i registri che Wilde usa oscillano tra il drammatico, l'ironico, l'erotico in una miscela che è effettivamente molto ambigua e di difficile rappresentazione proprio per i suoi meriti, ovvero per la sua originalità che la fa solo in apparenza somigliare ad una tragedia greca mentre in realtà ci troviamo di fronte ad una sorta di poemetto teatrale.

Luca De Fusco - regista

Dall'opera di Wilde

Con

Eros Pagni

Gaia Aprea

Anita Bartolucci


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma