Ogni sera un pubblico diverso per uno spettacolo diverso dal sapore americano

Maria Beatrice Alonzi è alta 149 centimetri e, a quanto pare, non è mai riuscita ad arrivare allo sportello dello zucchero, ma a tutto il resto sì.

La protagonista è sola sul palco e il pubblico viene interpellato ogni tanto per sapere cosa ne pensi. Ogni sera un pubblico diverso per uno spettacolo diverso dal sapore americano (dove la stand-up comedy va da sempre alla grande) e che da noi si chiama cabaret; se non fosse che Maria Beatrice, Bea per gli amici, non è abbastanza alta per fare un comico intero, ne fa solo uno in formato baby. Stand-Up Baby infatti è il racconto delle avventure della sua vita, ma anche di quella degli spettatori, con i quali interagisce per un'ora di risate e riflessioni su dove andiamo, cosa facciamo, ma soprattutto che strada sia meglio prendere per andare a Corso Francia, se il centro oppure la tangenziale.

Creando una favola tutta da ridere e che scompare, improvvisata, appena raccontata, anzi, recitata, con tanto di voci e suoni. Alla chitarra, sul palco con lei, Francesco Guglielmi. Entrambi attori, registi, impegnati nella Direzione del Teatro Stabile di Roma®, produttore dello spettacolo, ancora una volta impegnato nella creazione di un teatro accessibile, per un'ora di risate senza sosta.

Stand-Up Baby

Una produzione Teatro Stabile di Roma®

di e con Maria Beatrice Alonzi

musica dal vivo di Francesco Guglielmi


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma