Pluripremiato spettacolo internazionale: un'attrice e un grande burattino per una piéce magnetica, liberamente ispirata a Il gabbiano di ?echov.
È un viaggio al limite della performance, un'immersione nella vita, inevitabilmente sfaccettata, di una grande attrice. È un infinito mise en abîme, un continuo gioco di specchi: una vecchia attrice nel crepuscolo della sua carriera torna a recitare sotto forma di burattino a misura d'uomo, che altro non è che la versione invecchiata dell'interprete Tita Iacobelli.

Nel camerino si muove smarrita una vecchia attrice. Una giovane donna le si avvicina e le ricorda la ragione della sua presenza: interpretare il ruolo di Arkadina ne Il gabbiano di Anton ?echov. Sarà il suo ultimo ruolo. La sua memoria vacilla ma anche se non sa più chi è e non ricorda la sua parte, vuole comunque andare in scena. L'attrice confonde personaggio e memoria personale, la finzione si intreccia alla realtà.

Ed è così che Tchaïka (gabbiano in russo) come ne Il gabbiano, erra fra passato e futuro, fra disillusioni e speranze, e prosegue per la sua strada.

Info e orari: Ore 20

Teatro India  21 e 22 maggio 2024
TCHAÏKA
liberamente ispirato a Il gabbiano di Anton ?echov
con Tita Iacobelli
regia Natacha Belova e Tita Iacobelli

Scenografia Natacha Belova
luci Gabriela González, Christian Halkin
musica Simón González dalla canzone La pobre gaviota di Rafael Hernández
in consolle Gauthier Poirier
produzione Ifo Asbl
con il sostegno di Financiamiento del Fondo Nacional para la Cultura y las Artes, Chili, la Fédération Wallonie Bruxelles-arts de la scène – service interdisciplinaire
in coproduzione con Mars-Mons arts de la scène, Théâtre Des Martyrs à Bruxelles, Atelier Jean Vilar à Louvain-la-Neuve
in collaborazione con Cadmo associazione culturale – Le vie dei Festival

Miglior Spettacolo e Migliore Attrice, Círculo de Críticos de Arte de Chile, 2018
Premio del Pubblico come Migliore messa in scena dell'anno (premio Clap, 2018)

Dalla Rassegna Stampa

Tchaïka è un grande spettacolo: è sia una lezione di scrittura, recitazione e manipolazione, sia un'opera profondamente commovente.
Preparatevi per un viaggio di un'ora, al limite tra ruolo mitico e paranoia, un'immersione nella vita inevitabilmente molteplice di una grande attrice e nei molteplici ruoli che ha interpretato. Questa non è più una stanza ma una cascata di specchi, un'infinita mise en abyme: una vecchia attrice, al tramonto della sua carriera, torna a recitare sotto forma di un burattino a grandezza naturale, che non è altro che il doppio invecchiato dell'attrice che la manipola.
– Le Soir Belgique

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli