Sei attori professionisti e non professionisti per indagare l'esperienza del tragico nell'era post-industriale

Che rapporto c'è tra la messa in scena e l'autenticità? Tra l'azione scenica e l'esperienza concreta? E come può il teatro rincontrare e rintracciare la vita? Sono queste le domande che hanno reso il regista, saggista e documentarista svizzero Milo Rau uno degli artisti oggi più apprezzati in Europa e nel mondo. The Repetition. Histoire(s) du Théâtre (I) appare come una nuova possibilità di risposta a questi quesiti e, contemporaneamente, come un omaggio alla storia dell'arte più antica dell'umanità. Sin dalle origini il teatro è stato esperienza ritualizzata dei peccati originali e dei traumi collettivi. Affrontando la struttura della tragedia attraverso la forma di una 'crime story' e ispirandosi a un reale fatto di cronaca (il brutale omicidio di Ihsane Jarfi avvenuto nel 2012 a Liège), Rau mette in scena sei attori professionisti e non professionisti per indagare l'esperienza del tragico nell'era post-industriale. Sono loro, infatti, a entrare gradualmente nei ruoli dei protagonisti coinvolti durante il folle assassinio, mettendo  in discussione la forma teatrale e la rappresentabilità della violenza e degli eventi traumatici sul palcoscenico, radici delle origini e del potere del teatro stesso, e dando vita a un manifesto per 'un teatro democratico del reale'.

Cosa c'è al centro di mondi differenti e, solo in apparenza, lontani? Per la trentatreesima edizione di Romaeuropa Festival al centro ci sono le storie, tutte le visioni e suoni dei suoi 300 artisti ospiti. Al centro c'è la danza, il teatro, l'arte visiva analogica e digitale, la performance e lo spettacolo dal vivo, come strumenti e mezzi in grado di mettere in comunicazione idee e realtà agli antipodi. Dal 19 settembre al 25 novembre quattro continenti convergono tutti al centro della città eterna, trasformando Roma nel cuore dello scambio tra mondi, tra diversità culturali e geografiche, che si amalgamano in una sola, grande narrazione, che noi chiamiamo Romaeuropa Festival 2018.

Appartiene ad un evento principale:


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma