Bella e dannata, infantile e sexy, atea e religiosa, tormentata e bipolare, Anne Sexton con la sua vita e le sue poesie ci racconta il suo sentirsi inadeguata, ignorante, disadattata, non corrispondente al modello che la società borghese le impone, quello di moglie e madre esemplare.
In un mondo che chiedeva certezze senza però offrirne, e dove i palliativi per le casalinghe depresse erano l'alcol e i sonniferi, Sexton seppe trasformare la sua sofferenza in comunicazione, cercando di liberare la sua anima inquieta e controcorrente attraverso le sue poesie, che parlano di lei, ma in fondo parlano di noi, e a noi.
Considerata - insieme all'amica Sylvia Plath - la massima espressione della poesia confessionale, Sexton racconta il suo disagio e, insieme, il nostro mondo liquido, dove si sono persi i punti di riferimento e dove tutti noi, come lei, siamo in attesa di qualcosa, anche se non sappiamo bene cos'è.    
La penna di Francesca Zanni affronta e narra con delicatezza estrema la sofferenza della grande poetessa, puntando proprio su questo aspetto della sua vita e della sua poetica, valorizzando l'estrema attualità della sua pressante esigenza di rendere pubblico ogni suo pensiero, antesignana inconsapevole dei social media.
Una donna in anticipo sui tempi, che da casalinga frustrata arrivò a vincere il premio Pulitzer, ma che per tutta la vita fu tormentata dai suoi demoni a cui, alla fine, si arrese. Dopo diversi tentativi di suicidio, Anne morì nel 1974, intossicandosi col monossido di carbonio nel suo garage, a Boston. Quello che ci lascia è un'eredità dolorosa, quel senso di perdita che giace da qualche parte, dentro ognuno di noi.

Crescenza Guarnieri, attrice nota per l'intensità delle sue interpretazioni, la incarna in ogni sua caratteristica e sfumatura, portando per mano gli spettatori dentro un mondo che sembra lontano, ma che invece è proprio dietro l'angolo, a un passo da noi.
La regia di Francesco Zecca, come una partitura musicale, esalta i pieni e i vuoti dell'anima di questa donna perennemente in bilico, trasportando il disagio interiore di una casalinga frustrata degli anni '50 fino a noi, mettendo in evidenza l'attualità del testo con un sapiente uso della musica, delle luci e del corpo dell'attrice, che diventa magma incandescente.

Teatro Le Maschere – stagione serale "parole appassionate"

TUTTI I MIEI CARI
Scritto da: Francesca Zanni

Regia: Francesco Zecca
Con (in o. a.): Crescenza Guarnieri
Produzione: Trebisonda
I poeti sono eternamente innamorati
di qualcosa, di qualcuno,
di una presenza, di un sogno.
Dio salvi i poeti e i folli.
Alda Merini
Al via la stagione serale del Teatro Le Maschere!

Sarà in scena al Teatro Le Maschere, nella sezione serale dal titolo "parole appassionate" - dal 29 settembre al 9 ottobre 2022 - l'attesissimo spettacolo TUTTI I MIEI CARI, scritto da: Francesca Zanni, regia di Francesco Zecca. Protagonista Crescenza Guarnieri. Lo spettacolo inaugurerà la stagione serale del Teatro Le maschere "parole appassionate", terza edizione.

Come ha potuto una casalinga folle diventare una celebrità?  

DI SEGUITO TUTTE LE INFO SULLA STAGIONE COMPLETA DEL TEATRO LE MASCHERE

TEATRO LE MASCHERE: 30 ANNI DI ATTIVITA'.
"ALZARE IL SIPARIO È UN GIOCO DA RAGAZZI"
AL VIA LA STAGIONE DEDICATA AI BAMBINI E LA RASSEGNA SERALE.

"Credo profondamente nel valore pedagogico del teatro: ci sono tante cose belle da raccontare ai bambini perché... Crescere è uno spettacolo!" Queste sono le parole di Carla Marchini, direttrice artistica e cuore pulsante del Teatro Le Maschere che si avvia a partire con "FIABE E BISCOTTINI", la nuova splendida stagione dedicata ai più piccoli. Si parte domenica 30 ottobre e domenica 6 novembre con IL VIAGGIO DI FINNICELLA, scritto e diretto da Gigi Palla, mentre domenica 20 e domenica 27 novembre sarà la volta de LA CONTADINA FURBA scritto da Carla Marchini e diretto da Riccardo Diana. Le domeniche del 4, 11 e 18 dicembre, nonché, giovedì 8, ci si prepara al clima natalizio con lo spettacolo IL NATALE DI ANGIOLINA scritto e diretto da Carla Marchini. A chiudere le festività natalizie lo spettacolo che saluta la tanto amata Befana: venerdì 6 e domenica 8 gennaio 2023: NANA, LA BEFANA, scritto da Carla Marchini e diretto da Natalia Cavalleri. Domenica 22 e 29 gennaio 2023 debutterà ODISSEA da Omero, adattamento e regia di Gigi Palla. Arriviamo a febbraio, il 5, 12 e 19 febbraio 2023 sarà la volta de LA VERA STORIA DELLA MASCHERA DI ZORRO scritto e diretto da Gigi Palla. Il 12, 19 e 26 marzo arriva un grande classico: CENERENTOLA nella versione di Carla Marchini e Alessandro Cercato, regia di Gigi Palla. Domenica2 aprile 2023 spazio allo spettacolo in lingua inglese LITTLE RAINBOW RIDINGHOOD, scritto e diretto da Natalia Cavalleri. Il 23 e il 30 aprile debutterà lo spettacolo PER UNO STUPIDOBARATTOLO scritto da Maria Toesca e diretto da Riccardo Diana. La stagione per i più piccoli si conclude con lo spettacolo in scena il 7 e il 14 maggio IL MAGICO FILO DI ARIANNA scritto e diretto da Gigi Palla.

Il Teatro le Maschere da tre anni presenta anche una importante rassegna serale dal titolo "PAROLE APPASSIONATE" ideata e voluta da Massimo Vulcano e Carla Marchini - un appuntamento teatrale incentrato sull'interpretazione di artisti diversi tra loro, uniti dalla voglia di raccontarsi, un connubio tra parole, poesia, musica e linguaggi multidisciplinari rivolto alle nuove generazioni, affrontando temi di grande attualità,
come il coraggio di essere sé stessi, il femmicidio, la guerra, la ludopatia, l'inclusione sociale tanto per citarne alcuni.
La terza Edizione vede in scena dal 29 settembre al 09 ottobre TUTTI I MIEI CARI di Francesca Zanni, regia Francesco Zecca, con Crescenza Guarnieri. Dal 18 al 23 ottobre, debutta MIO PERSEMPRE di Pierfrancesco Franzoni con la supervisione di Edoardo Erba, regia Renato Giordano, con Loredana Giordano. Arriva dall' 8 al13 novembre, IL TESTAMENTO DI BEETHOVEN, drammaturgia e interpretazione Luca Mascolo. Dal 12 al 15 gennaio 2023 arriva STRANGE WORLD, scritto e diretto da Barbara Folchitto, con Giada Lorusso e Angela Sajeva. E poi ancora IL GIOCATORE, traduzione e adattamento Gabriella Praticò, regia Gigi Palla in scena il 18 e 19 febbraio. DREAMS BELLE ADDORMENTATE dal 23 al 26 FEBBRAIO testo scritto e diretto da Giuseppe Convertini. Dal 2 al 5 marzo, dopo aver debuttato al Campania Teatro Festival, arriva RUMORE DI FONDO, drammaturgia di Benedetta Palmieri, regia Nadia Baldi, in scena Gea Martire, Antonella Ippolito e Davide Paciolla e con la straordinaria partecipazione di Carmine Ammirati, musiche composte ed eseguite dal vivo da Ivo Parlati. Dal 13 al 16 aprile debutterà LA SIGNORA SANDOKAN, di Osvaldo Guerrieri, diretto da Francesco Sala con Viola Pornaro. Dal 18 al 21 maggio arriva FERITI PER SEMPRE di e con Silvia Luzzi. La stagione si chiude dal 25 al 28 maggio con LA MOSTRA, scritto da Simona Marchini (anche protagonista) e Claudio Pallottini, Musiche eseguite dal vivo da Andrea Bianchi, con la regia che fu di Gigi Proietti.

Informazioni, orari e prezzi

La stagione completa della sezione serale del Teatro Le Maschere, dal titolo Parole Appassionate, è consultabile al seguente link:
www.teatrolemaschere.it/categoria-spettacoli/serali

Orario spettacoli:
• dal giovedì al sabato ore: 21.00
• domenica ore: 19.00

Biglietti:
Intero   € 12,00
Ridotto € 10,00 Gruppi e Cral – Associazioni – Under 35 – Over 65
APPASSIONIAMOCI OPEN – Novità 2022
Card per 6 ingressi € 54,00
Card per 8 ingressi € 64,00
Sono previste riduzioni per gruppi CRAL e Associazioni 

Info e prenotazioni: 
tel. 06 58330817
info@teatrolemaschere.it

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli