Spettacolo tratto dall'omonimo romanzo di Vincenzo Cerami, con Massimo D'Apporto

Un borghese piccolo piccolo è un romanzo straordinario di Vincenzo Cerami da cui è stato tratto, in un secondo tempo, il capolavoro cinematografico di Mario Monicelli. Il romanzo, che diverge dal film in alcuni nodi narrativi essenziali, è un ritratto di agghiacciante attualità. La peculiarità dell'opera è la tinta grottesca con cui Cerami descrive le umili aspirazioni di Giovanni Vivaldi, il borghese piccolo piccolo, e che si cerca di ripercorrere nell'adattamento di Fabrizio Coniglio.

Il più grande desiderio del protagonista, un uomo di provincia che lavora al ministero, è quello di "sistemare" suo figlio Mario, proprio in quel ministero in cui Giovanni lavora da oltre trent'anni. Ma come ottenere una raccomandazione per il figlio? Ecco l'inizio della sua ricerca disperata di una "scorciatoia", in questo caso rappresentata dalla Massoneria, per garantire un futuro al figlio. Le aspirazioni, il desiderio di raggirare le regole che una società democratica e civile impone, sembrano quasi connaturate nell'animo di ogni cittadino italiano.

Adattamento e regia

Fabrizio Coniglio

Con Massimo Dapporto

e con Susanna Marcomeni, Roberto D'Alessandro, Fabrizio Coniglio, Federico Rubino

Scene Giuseppe Di Pasquale

Costumi Sandra Cardini

Musiche originali Nicola Piovani

Produzione Pietro Mezzasoma


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma