Da Michelangelo alla decapitazione di Roberto Altemps

Roma è stata sempre fucina di artisti. E si sa, gli artisti, spesso sono anime ribelli. Nella nostra passeggiata, che parte da Piazza Farnese, ne incontreremo alcuni. Il genio indiscusso anche "del male" fu Michelangelo, autore dei celebri affreschi della Cappella Sistina. Il suo ego, la sua personalità e la sua visione del mondo lo portarono spesso a scontrarsi con i più grandi Papi della storia. E non si trattò sempre di scontri verbali, bensì in alcuni casi anche fisici. Dopo aver salutato Giordano Bruno, il cui sguardo furioso lancia fiamme di fuoco verso San Pietro, ci recheremo verso Piazza Navona, uno dei regni incontrastati del genio di Bernini. Gian Lorenzo Bernini, scultore e artista a tutto tondo, definito "il Michelangelo del Seicento", fu al centro di uno scandalo enorme, a seguito della fine del rapporto con la sua amata Costanza Bonarelli. Un episodio che fu un vero e proprio caso di cronaca nera. Senza trascurare il confronto-scontro con l'altro genio del Barocco romano, Borromini, finiremo la nostra passeggiata davanti Palazzo Altemps, dove un fantasma enorme ed inquietante ci aspetterà: quello di Roberto Altemps, la cui fine per decapitazione sotto Sisto V è ancora avvolta nella leggenda. Una Roma particolare, divertente, accesa e inquietante che vedremo con altri occhi.

Artisti ribelli: da Michelangelo alla decapitazione di Roberto Altemps
Visita guidata

La visita sarà condotta da: Marco Rossi, storico dell'arte in possesso dell'abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

Durata: circa 2 ore.

NOTE DA LEGGERE!

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito: http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l'associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un'associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci."

Foto tratta in rete (scatto anonimo)


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma