Visita guidata da Piazzale Flaminio alla Terrazza dl Pincio

La passeggiata che proponiamo ci porterà alla scoperta di storia e angoli nascosti del parco più conosciuto di Roma: Villa Borghese. 
Scopo della visita è di guardare con occhi diversi un luogo romantico a noi familiare dove arte e natura hanno incrociato la storia più di una volta, svelando "aneddoti e segreti" legati ai suoi viali e viottoli e ai tanti personaggi, prelati, principi e principesse che la utilizzarono come "villa di delizie" e passioni. Sorta per volere del cardinal Scipione Borghese (1580) sulle rovine degli Horti di Lucullo (I aC), venne acquistata dallo Stato Italiano nel 1901 per salvarla dalla lottizzazione e risponderà ad un bisogno ormai pressante dei cittadini romani di tutti i ceti sociali: avere un luogo dove passeggiare, incontrarsi, amoreggiare e rilassarsi, esattamente come accade oggi.
L'immenso parco é suddiviso in più giardini, entità separate che dialogano fra loro creando un unico immenso polmone di verde come il romantico Giardino del Lago e i rigorosi giardini del Pincio
La visita sarà arricchita dalla letture di brevi sonetti, delle parole del grande tenore Beniamino Gigli che qui veniva a vedere lo spettacolo dei burattini, e incontreremo anche Gabriele d'Annunzio che elesse il Pincio a luogo d'incontri galanti, che poi traspose nel suo libro più famoso "Il Piacere" e di relax.

Il Giardino del Lago: storia e segreti di Villa Borghese
Questa volta passeggeremo da Piazzale Flaminio alla Terrazza dl Pincio passando per il giardino del Lago, per conoscere nuovi angoli della villa appartenuta al Cardinal Scipione

La visita sarà condotta da: Ornella Massa, storica dell'arte, esperta di urbanistica moderna e contemporanea, in possesso dell'abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

Durata: circa 2 ore.

NOTE DA LEGGERE:

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito: http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l'associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un'associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci.

Foto tratta in rete (scatto anonimo)


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma