Con ingresso riservato

Occasione unica per visitare l'antica cappella che dal Medioevo al Rinascimento era riservata ai pontefici; una rara testimonianza di quel che resta dell'antico patriarchìo lateranense, ovvero la primitiva residenza papale, fatta costruire dall'imperatore Costantino nel IV sec. insieme alla basilica di San Giovanni, utilizzata fino all'inizio del XIV sec., e totalmente stravolta dall'architetto Domenico Fontana sotto papa Sisto V nel XVI sec.
La cappella, preceduta dalla leggendaria Scala Santa, oggi è racchiusa all'interno di un'architettura Cinquecentesca, ma nell'antico palazzo papale era un luogo esclusivo, collocato nell'ala privata. Noto fino al IX secolo con la dedica a San Lorenzo, l'oratorio in seguito venne chiamato Sancta Sanctorum (le cose sante tra le sante) per la presenza al suo interno di numerose e importanti reliquie. Punta di diamante della cappella sono soprattutto gli affreschi medievali del XIII sec., riportati alla luce dopo secoli di oblio e ridipinture, grazie a un accurato restauro terminato nel 1994. Secondo il celebre storico dell'arte Federico Zeri, si tratta di una delle più grandi scoperte artistiche del Novecento! Gli affreschi sono stati commissionati dal papa Niccolò III tra il 1277 e il 1280, segnano la rinascita della pittura dopo secoli di predominanza di modelli bizantini. Pertanto, la loro scoperta, insieme agli affreschi dell'Aula Gotica nel Monastero dei Santi Quattro Coronati al Celio, ha indotto gli storici dell'arte a riscrivere la storia della pittura del Duecento, individuando i semi di una vera e propria rinascita della pittura non più in Toscana, come per molto tempo si è pensato, ma a Roma!


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma