L'Arte etrusca, nata dalla vita quotidiana, è rimasta sempre vincolata al soddisfacimento delle esigenze. È pertanto strettamente legata tanto alla struttura sociale quanto alle condizioni religiose e all'ideologia funeraria. Salvo poche eccezioni, l'arte etrusca può essere ricondotta ad espressioni di "artigianato artistico", senza finalità estetiche, quindi, pur non mancando di espressioni di elevatissimo livello (vedi il "Sarcofago degli Sposi", custodito al Museo Etrusco di Roma).
Le prime forme artistiche che presentano caratteri di originalità e che possono essere considerate romane risalgono al periodo repubblicano, sono soprattutto opere di architettura e ingegneria finalizzate ad una utilità pubblica.
È con l'età imperiale che la cultura romana produce i suoi capolavori più alti, esprimendosi in tutti i campi: dalle grandiose costruzioni promosse dai diversi imperatori alle numerose realizzazioni di pittura, scultura, architettura, ceramica e oreficeria richieste dalle famiglie patrizie. Lo stile romano imperiale è caratterizzato da grande senso di equilibrio, derivato soprattutto dalla cultura artistica greca, ma anche una tendenza alla monumentalità e solennità che si integra con una componente realistica fondamentale.
Il terzo appuntamento online affronterà questi temi, sviluppandone i concetti fondamentali

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Visite guidate