Una visita ad un piccolo angolo nascosto della città di Roma

Piccolo angolo nascosto della città di Roma, lontano dalla confusione cittadina, il complesso delle Tre Fontane è uno dei luoghi più importanti della cristianità. Qui, secondo la tradizione, venne decapitato l'apostolo Paolo e la sua testa, cadendo a terra, fece tre rimbalzi da ognuno dei quali sarebbe scaturita una fonte sacra. All'intero complesso si accede percorrendo la via delle Acque Salvie, una strada che ricalca l'antico tracciato della via Laurentina, alla fine dalla quale si giunge direttamente di fronte ai resti delle mura medievali che dovevano fortificare il complesso abbaziale.
L'accesso all'intero complesso avviene attraverso il cosiddetto "arco di Carlo Magno", una porta ti tipo difensivo, inglobato nelle stesse mura. Il primo edificio religioso, ancora fulcro della vita monastica, è la chiesa dei SS. Anastasio e Vincenzo, uno dei pochi esempi nonché fiore all'occhiello dell'arte cistercense trapiantata in Italia nel corso del XII secolo. Il complesso abbaziale, immerso in un idilliaco giardino, è poi completato dalla chiesa di Santa Maria Scala Coeli, la cui intitolazione ricorda il sogno di san Bernardo di Chiaravalle in cui le anime del Purgatorio salirono al Paradiso per mezzo di una scala e da quella dedicata a San Paolo, legata proprio alla leggenda del martirio.
All'interno del complesso, a concludere una piacevole gita domenicale, sono anche presenti una libreria e dei piccoli shops come il negozio monastico con la vendita diretta dei prodotti trappisti.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma