A passeggio per la "Città Giardino Aniene"

Abitato sin da tempi antichissimi, il XVI quartiere di Roma fu teatro di importanti avvenimenti nel corso della storia. Oltre ad essere stata la residenza della gens Claudia, il "Monte Sacro" era il monte in cui si recavano gli àuguri per predire il futuro osservando il volo degli uccelli. Nel Medioevo fu costruito quello che tutt'oggi rappresenta uno dei principali simboli dell'intero quartiere, il Ponte Nomentano,
Ma la vera storia di città-giardino ha inizio nel 1919 quando venne istituita la "Cooperativa Città Giardino Aniene", fusione dell'Unione Edilizia Nazionale e dell'Istituto Case Popolari, al fine di definire un progetto per un quartiere destinato alla classe medio borghese dei dipendenti dei Ministeri e delle Ferrovie dello Stato. Fortemente influenzato dalle "Garden Cities" inglesi, così come il quartiere Garbatella, la nuova "Città Giardino Aniene" prese forma come sistema "a villini" inseriti nel verde accompagnati da servizi indipendenti.

Come arrivare: linee bus 90, 86 fermata Sempione, linee 60, 66, 338, 351, 82, fermata Maiella/Sempione (appuntamento di fronte all'ingresso della chiesa in piazza Sempione).  Ricordiamo a tutti i soci di presentarsi all'appuntamento mezz'ora prima dell'inizio della visita per chi deve ancora iscriversi all'associazione Esperide, un quarto d'ora prima per i soci iscritti.
Il noleggio degli auricolari  è obbligatorio.
Il contributo richiesto è di  9 euro  per i soci già tesserati e di 13 euro per chi deve ancora iscriversi all'associazione (vedi sezione regolamento). Il noleggio degli auricolari è incluso nel contributo richiesto.
In caso di mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti, la visita sarà annullata, previo preavviso di almeno due ore prima l'orario di inizio della stessa.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma