Visita guidata con apertura "esclusiva e straordinaria" solo su prenotazione

Palazzo Firenze, residenza romana dei Medici, e la Loggia del Primaticcio.

Visita guidata con apertura "esclusiva e straordinaria" solo su prenotazione a gruppi (min. 10 - max 25 partecipanti) accompagnati da storici dell'arte iscritti nell'albo delle guide turistiche della Provincia di Roma.

INFO
-La visita sarà condotta da: Cristiana Berto, storica dell'arte, esperta di arte ed iconografia medievale, in possesso dell'abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

-Durata: circa 2 ore.

-Accoglienza e registrazioni: da 30' prima, in Piazza di Firenze 27 (davanti all'ingresso del Palazzo).

DESCRIZIONE
Acquistato da Papa Giulio III alla metà del Cinquecento, divenne, una decina d'anni dopo, la residenza romana dei Medici che, per renderla un vero palazzo rinascimentale, chiamarono il loro architetto di fiducia, Bartolomeo Ammannati, che realizzò l'armonioso cortile e l'elegante facciata che vi prospetta.
La loggia, tradizionalmente attribuita al Primaticcio, è affrescata con scene tratte dalla mitologia e dalla storia antica che alludono, in vario modo, ai proprietari.
Ferdinando de' Medici, ormai proprietario del palazzo, decise di rendere ancora più sontuosa la sua residenza facendo decorare con grande fasto alcuni saloni del piano nobile dal pittore Jacopo Zucchi (1540-90), allievo del Vasari, come la "Sala delle Stagioni" e la "Sala degli Elementi", entrambe a tema mitologico-allegorico; inoltre, fece ristrutturare il palazzo, probabilmente su progetto del Vignola, che ornò il cortile del bel colonnato.
Al pianterreno del palazzo era l'ufficio postale per la Toscana e per l'Emilia, mentre dalla piazza antistante partiva la corriera postale per Firenze. Tra la fine del Cinquecento e l'inizio del secolo successivo il palazzo fu uno dei poli della vita mondana cittadina: il cardinale Ferdinando I de' Medici vi diede feste sontuose e grandiosi banchetti.
Dopo l'annessione di Roma al Regno d'Italia, si pensò di fare di Palazzo Firenze la sede del Ministero dell'Interno, ma Giovanni Lanza lo ritenne troppo piccolo per lo scopo; nel 1872 divenne residenza del Ministro di Grazia e Giustizia, quindi sede dell'Avvocatura dello Stato. Dal 1926 vi ha sede la Società Dante Alighieri.

DISCLAIMER: foto tratte dal Web.
Le foto presenti su questo blog sono state per la maggior parte tratte da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail: romaelazioxte@gmail.com - in modo da ottenere immediata rimozione di dette immagini.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma