EVENTO ANNULLATO

L'edificio è noto per la celebre galleria prospettica di Borromini, un gioco straordinario che rimane uno dei risultati più rappresentativi del Barocco. Quasi del tutto ultimato nel Giubileo del 1550, la splendida residenza passò nel secolo successivo al cardinale Bernardino Spada che lo acquistò ne luglio del 1632 da un erede Capodiferro, per 3200 scudi. La Galleria d'arte è ubicata al primo piano, in un'ala seicentesca del Palazzo e conserva i capolavori di Guido Reni, Orazio Gentileschi, Tiziano, Guercino e altri grandi protagonisti della stagione artistica che va dal 1500 al 1600.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma