Visita guidata a numero chiuso e con prenotazione obbligatoria

La visita guidata avrà luogo Sabato 20 gennaio, h 11.00 e deve essere prenotata entro il 15 gennaio 2018.

Il palazzo edificato tra il 1502 e il 1559 da Bartolomeo Baronio per volere del cardinale Capodiferro, passò nel secolo successivo al cardinale Bernardino Spada che lo fece restaurare ed ampliare, incaricando il Borromini di creare la celebre galleria prospettica, lunga appena 9 metri, viene percepita ben più profonda allo sguardo. L'illusione ottica a "trompe l'oeil"  è ottenuta grazie alle colonne laterali che si rimpiccioliscono verso il fondo, al pavimento posto in lieve salita, alla volta in discesa e alle pareti convergenti. All'interno del palazzo, oggi sede del Consiglio di Stato, si conservano arredi, mobili d'epoca, antiche sculture e dipinti appartenuti alla collezione privata del cardinale Bernardino Spada, opere di Guercino, Artemisia e Orazio Gentileschi, Guido Reni e molti altri artisti del seicento romano.

Palazzo Spada e le sale segrete del Consiglio di Stato
Visita guidata del Palazzo con apertura "straordinaria" e a numero chiuso (max 23 partecipanti) delle sontuose sale del piano nobile, oggi sede del Consiglio di Stato, la quadreria, il salone di Pompeo, la galleria prospettica del Borromini, la galleria della meridiana e la galleria degli stucchi. 

La visita sarà condotta da: Giulia Andioni, storica dell'arte in possesso dell'abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

Durata: circa 2 ore.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma