Una visita guidata organizzata dall'Associazione Esperide

Ormai entrate pienamente a far parte della storia della città di Roma, le cosiddette "Statue parlanti" sono sei statue di marmo dislocate per il centro storico, poste sulle facciate di palazzi o agli angoli delle strade, sulle quali vengono da sempre affissi messaggi anonimi, le cosiddette "Pasquinate", contro i politici e i governanti. Come molti sanno, si tratta per lo più di componimenti in versi, dialoghi umoristici, motti di spirito o critiche accese con le quali il popolo romano, attraverso la voce "muta" di tali statue, può esprimere il proprio disappunto nei confronti della classe dominante. A ispirare il termine "Pasquinata" fu la più celebre delle sei statue, quella appunto di Pasquino, un busto del III secolo a. C., dal 1501 posto in un piccolo slargo dietro piazza Navona. Non meno importanti sono poi gli altri protagonisti del gruppo: Marforio, una statua di I sec., il mezzobusto del Facchino, il Babuino, l'Abate Luigi e infine Madama Lucrezia, l'unica donna del gruppo, nonché forse la statua più antica.
Esperide sarà lieta di accompagnarvi in una passeggiata notturna per i vicoli dell'Urbe, alla scoperta di queste favolose icone che rappresentano ancora oggi un affascinante ponte tra realtà e fantasia, tra mito e leggenda.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma