Il Tempietto del Bramante e le meraviglie del Gianicolo

Sul colle del Gianicolo, conosciuto anche come Monte d'Oro a causa del colore della terra che lo ricopre, fu costruita la chiesa di San Pietro in Montorio per volere di Ferdinando d'Aragona e Isabella di Castiglia che la donarono alla nazione spagnola. La chiesa, al cui interno trovarono sepoltura membri dell'aristocrazia romana come Antonio e Fabiano del Monte, e la sfortunata Beatrice Cenci, accoglie opere di inestimabile valore di Sebastiano del Piombo, Giorgio Vasari, Daniele da Volterra e del Bernini. A fianco della chiesa, nel luogo dove la tradizione indicava fosse avvenuta la crocifissione dell'apostolo Pietro, fu eretto all'inizio del cinquecento il celeberrimo tempietto a pianta centrale del Bramante, testimonianza architettonica fra le più affascinanti del Rinascimento.
Proseguiremo in direzione "der' Fontanone" e della passeggiata del Gianicolo affiancata dai busti degli Eroi che sacrificarono la vita per l'Indipendenza d'Italia durante la Repubblica Romana del 1849.
La passeggiata è l'occasione per narrare non solo la storia di alcuni dei monumenti che vi si incontrano e di come i luoghi si siano trasformati nel tempo, ma, soprattutto, per narrare le gesta di uomini e donne  che alla Repubblica Romana del 1849 parteciparono.

San Pietro in Montorio, il Tempietto del Bramante e le meraviglie del Gianicolo.

Visita guidata della Chiesa, della Fontana dell'Acqua Paola e della Passeggiata del Gianicolo.

La visita sarà condotta da: Ornella Massa, storica dell'arte, esperta di urbanistica moderna e contemporanea, in possesso dell'abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma. 

Durata: circa 2 ore.

NOTE DA LEGGERE!

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito: http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l'associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un'associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci."

Foto tratta in rete (scatto anonimo)


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma