La Chiesa, i vicoli e le piazze circostanti

Ma sarà proprio vero che i Trasteverini hanno un'origine diversa dai romani che abitano l'altra sponda del Tevere? L'itinerario muovendosi tra il Trastevere antico e quello moderno, partendo dalla splendida chiesa dedicata alla memoria di Santa Cecilia, ha lo scopo di svelare alcuni degli aspetti meno noti del quartiere e di raccontare alcune storie che da sempre lo caratterizzano come quella di Santa Cecilia che sacrificò la sua giovane vita per aiutare i più poveri portando la parola di Cristo e aiuti concreti alla popolazione. Si narra che nel 1599, il suo corpo fu miracolosamente ritrovato intatto con il capo leggermente reclinato. Stefano Maderno scolpì una statua che riproduce il corpo della santa nella stessa posizione in cui venne trovato durante gli scavi dell'antica basilica. La visita proseguirà con una passeggiata nei vicoli circostanti per conoscere altri personaggi legati a questo rione, come ad esempio Bartolomeo Pinelli, che, da trasteverino doc, qui nacque, qui visse e del quartiere ha lasciato incisioni grafiche e pitture che permangono nell'immaginario anche contemporaneo, contribuendo a far nascere il mito del carattere particolarmente focoso e attaccabrighe dei trasteverini.

Santa Cecilia in Trastevere e i Trasteverini.

Visita guidata della Chiesa, dei vicoli e delle piazze circostanti per conoscere storia presente e passata del Rione Trastevere e dei suoi abitanti, i Trasteverini "signori senza quatrini".

La visita sarà condotta da: Ornella Massa, storica dell'arte esperta di urbanistica moderna e contemporanea in possesso dell'abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

Durata: 2 ore.

NOTE DA LEGGERE

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito: http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l'associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un'associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci."

Foto tratta in rete (scatto anonimo)


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma