domenica 19 febbraio, ore 15:00

La chiesa di Santo Stefano Rotondo venne consacrata da papa Simplicio nella seconda metà del V secolo, oggi rappresenta uno dei più complessi esempi di edifici a pianta circolare a Roma che riprendono l'impianto delle ville tardo-antiche romane o dei modelli orientali. La chiesa doveva essere stata interamente rivestita di marmi preziosi e ornata di mosaici tra il 523 e il 529, intervento di cui oggi non rimane più nulla. Resta invece il bel mosaico a fondo oro di impronta bizantineggiante e linearistica tipica del VII sec., posto nel braccio nord-orientale della chiesa. Nel 1586 fu affidato ad Antonio Tempesta il compito di affrescare le pareti della stessa cappella del mosaico mentre , mentre nel XVI secolo furono affidati al Pomarancio i meravigliosi affreschi del nuovo recinto ottagonale, costruito attorno all'altare e al muro dell'ambulacro. Questi rappresentano un incredibile esemplare di scene di passione e martirio, raffigurati con sconvolgente realismo e crudezza tanto da impressionare tutt'oggi i visitatori. Esperide sarà lieta di accompagnarvi alla scoperta di questo incredibile gioiellino nascosto della città di Roma.

Per ulteriori informazioni visita il sito.

La prenotazione è obbligatoria.

Informazioni, orari e prezzi

APPUNTAMENTO: all'angolo di via della Navicella con via di Santo Stefano Rotondo, un quarto d'ora prima dell'inizio della visita guidata

CONTRIBUTO PER LA VISITA: 9 euro, 6 euro per i già tesserati

PER PRENOTARE: indirizzo email info@esperide.it;
telefono: 339 4750696 – 333 1125444 – 349 8926716
I NUMERI SONO ATTIVI TUTTI I GIORNI DALLE 10:30 ALLE 20:30

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Visite guidate