Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria, ricorrenza internazionale per commemorare le vittime dell'Olocausto.
Ma la storia degli Ebrei a Roma ha radici molto più antiche
Il 12 luglio 1555, con la bolla "Cum nimis absurdum", Papa Paolo IV Carafa forzava gli Ebrei a vivere in un'area specifica e prevedeva una serie di restrizioni particolari, che sarebbero poi state in vigore per secoli.
La storia di Roma non si può comprendere pienamente senza conoscere le vicissitudini degli Ebrei nel rione che li ha identificati per tre secoli: il Ghetto.
Ma la presenza dei primi Ebrei a Roma risale al II sec. a.C. e la prima sinagoga, una tra le più antiche al mondo, venne edificata ad Ostia Antica.
Ma è il "Ghetto", con i suoi palazzi, le sue botteghe e il magnifico "Tempio Maggiore", il vero custode della millenaria cultura ebraica fatta di riti e tradizioni.
Una passeggiata per le vie del Ghetto, partendo dalle radici, per conoscere la storia, la cultura e le tradizioni, anche gastronomiche dei nostri "Fratelli Maggiori".

Informazioni, orari e prezzi

Appuntamento: Piazza Santa Cecilia in Trastevere, chiesa, ore 16.00
Termine tour: Largo 16 ottobre 1943
Durata tour: due ore circa
Barriere architettoniche: assenti
Amici a 4 zampe: benvenuti!

Contributo partecipativo all inclusive (visita guidata + radioauricolare, se necessaria): € 10,00; under25: € 8,00; minori e repliche: gratis, se accompagnati (radioauricolare su richiesta: € 2,00)
Modalità di pagamento: contanti in loco

Prenotazione obbligatoria. Le adesioni vanno compilate online: https://bit.ly/3No0L2W

Telefono: 3401964054
Indirizzo E-mail: associazioneculturalecalipso@yahoo.com

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Visite guidate