Visita guidata della Chiesa ipogea di S. Crisogono, tracciato della Naumachia di Augusto e chiostro medievale

La visita ai sotterranei della Basilica di San Crisogono è un'occasione particolare per aggiungere un prezioso tassello alla storia dell'antico quartiere multiculturale del Transtiberim. I resti della chiesa sotterranea, venuti alla luce durante una campagna di scavo nel 1908, appartengono al Titulus del martire Crisogono, uno dei più antichi di Roma, sorto sui resti di edifici di epoca romana precedente. La chiesa sotterranea, a navata unica, con portico e cripta semianulare, conserva ai lati dell'abside i resti di un secretarium, ambiente usato per riporre vesti sacre, e di un battistero ad immersione, vista la presenza di vasche che lascerebbe supporre il riutilizzo come battistero di una più antica fullonica, cioè una tintoria. Sulle pareti della navata ancora sono visibili affreschi medievali che rappresentano, tra gli altri, le storie di San Benedetto e di San Silvestro. La chiesa, insieme con Santa Maria in Trastevere e Santa Cecilia, costituì uno dei primi luoghi di culto e di assistenza della comunità cristiana della zona.
Dopo una breve passeggiata fra i vicoli di Trastevere seguendo il tracciato della Naumachia di Augusto, la visita si concluderà presso il magnifico protiro medievale che introduce nel chiostro annesso all'antica chiesa e ospedale di San Cosimato.

I Sotterranei di Trastevere.

Visita guidata della Chiesa ipogea di San Crisogono, del tracciato della Naumachia di Augusto e del chiostro medievale della Chiesa di San Cosimato.

La visita sarà condotta da: Ilaria Manzione, archeologa in possesso dell'abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

Durata: circa 2 ore.

NOTE DA LEGGERE:

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito: http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l'associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un'associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci.

Foto tratta in rete (scatto anonimo)


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma