Una visita organizzata dall'Associazione Roma e Lazio x te

La Festa de' Noantri (cioè: di noi altri), è senza dubbio una delle feste più sentite dal popolo romano, le sue origini risalgono alla prima metà del XVI secolo d.C. quando alcuni pescatori rinvennero nel Tevere una statua in cedro della Vergine Maria, a cui diedero il nome di "Madonna Fiumarola". La festa viene celebrata ogni anno a partire dal sabato dopo il 16 luglio (solennità liturgica della Beata Vergine del Carmelo), per concludersi 9 giorni più tardi all'alba del lunedì. Durante questi 9 giorni la statua viene esposta al pubblico indossando abiti confezionati a mano dai devoti Trasteverini, e portata in processione per le vie del rione Trastevere e lungo il Tevere.
Itinerario: Dopo aver reso omaggio alla Vergine de' Noantri, proseguiremo la nostra passeggiata fra le viuzze tortuose di Trastevere, ma non prima di aver reso omaggio a Giuseppe Gioachino Belli, amato e sagace poeta del vernacolo romanesco. Lasciato l'Excubitorium della VII Coorte dei Vigili e raggiunta Piazza in Piscinula scivoleremo giù per il Vicolo dell'Atleta e la Piazza dei Mercanti con le tipiche taverne rinascimentali, dopo aver sostato davanti alle chiese di Santa Cecilia e di Santa Maria in Pineum ci saluteremo ammirando i giardini segreti di Donna Olimpia Maidalchini, meglio nota come la Pimpaccia.

 Trastevere, la Festa de' Noantri e la magia dei suoi vicoli al chiaro di luna
Visita guidata

La visita sarà condotta da: Valeria Scuderi, storica dell'arte in possesso dell'abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

Durata: circa 2 ore.

NOTE DA LEGGERE:

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito: http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l'associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un'associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci.

Foto tratta in rete (scatto anonimo)


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma