Visita guidata con ingresso "esclusivo su prenotazione"

Dopo anni di lunghi restauri e di ritardi burocratici ha finalmente riaperto al pubblico il sottopassaggio che unisce il Foro di Traiano a quello di Cesare, che rende possibile entrare fisicamente tra i resti della piazza porticata e del tempio di Venere Genitrice voluto da Giulio Cesare per glorificare la sua casata. Attraversando il sottopassaggio che l'unisce alla Basilica Ulpia, comprenderemo come le retrostanti taberne affacciate sul Clivo Argentario furono sopraelevate di un piano così da raggiungere il livello delle strutture del Foro di Traiano. Cammineremo lì dove uomini liberi e schiavi hanno vissuto e commerciato tanti secoli fa. Percorreremo l'Argiletum, il tracciato che univa i Fori al quartiere della Suburra, raggiungeremo la base della colonna di Traiano così da poterla ammirare da vicino, e infine entreremo nei resti delle case medievali affacciate sulla Via Alessandrina e distrutte da Mussolini per poter aprire l'asse viario di Via dei Fori Imperiali.

Viaggio nella nuova apertura dei Fori Imperiali.

Visita guidata con ingresso "esclusivo su prenotazione" dell'area archeologica recentemente riaperta al pubblico e in parte "ipogea" che unisce il Foro di Traiano a quello di Cesare e che permette di entrare fisicamente all'interno dei templi e delle basiliche di questi due Fori imperiali.

La visita sarà condotta da: Luisa Delle Fratte, storica dell'arte in possesso dell'abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

Durata: circa 2 ore.

NOTE DA LEGGERE!

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito: http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l'associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un'associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci."

Foto tratta in rete (scatto anonimo)


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma