Uno dei posti più poetici e romantici del mondo

C'è un luogo di Roma, all'ombra della Piramide Cestia, dove sono passati Shelley, Keats, Wilde e Goethe. È il Cimitero Acattolico di Roma che sorge nel quartiere Testaccio. I grandi cipressi, il prato verde che circonda parte delle tombe, la bianca piramide che svetta dietro la recinzione di mura romane e i gatti che passeggiano indisturbati tra le lapidi scritte in tutte le lingue del mondo conferiscono a questo piccolo luogo uno stile inimitabile. Il Cimitero risale almeno al 1716, quando secondo le normative ecclesiastiche della Chiesa Cattolica, era preclusa ai Protestanti la sepoltura in chiese o in terre consacrate.


La prenotazione è obbligatoria.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma