Anche la G.N.A.M. aderisce alla Festa dei Musei con una serie di attività

La Galleria Nazionale d'Arte moderna e Contemporanea aderisce alla Festa dei Musei con una serie di attività.

Sabato 20 maggio
Ore 11.00 - visita ai depositi a cura di Linda Sorrenti
Un appuntamento che rende accessibili luoghi e opere del museo solitamente non visitabili. Lontani dall'essere luoghi polverosi, i depositi sono ambienti costruiti secondo rigorose regole scientifiche che custodiscono beni da conservare e a cui attingere per ricerche, prestiti di opere e scambi tra le istituzioni (partecipazione inclusa nel prezzo del biglietto)


Ore 11.00 - breve approfondimento delle opere del ciclo I viventi di Giacomo Balla: Il mendicante, Il Contadino, I Malati, La Pazza. Il dimenticato, l'escluso, l'emarginato sono alcuni dei temi sui quali la Festa dei Musei ci invita a riflettere. Quanto non è stato raccontato da una storia che ha tenuto quei soggetti al di fuori della società, emarginandoli e perseguitandoli, emerge dalla rappresentazione realistica con cui Balla li realizza tra il 1902 e il 1905.
A seguire Nunzia Fatone e Fabia Masciello condurranno un laboratorio per tutti sulle tecniche del collage per animare alcuni quadri del ciclo di Balla
(max 20 persone; prenotazioni: nunzia.fatone@beniculturali.it; partecipazione inclusa nel prezzo del biglietto)

Ore 12.00 - Breve approfondimento del ciclo de I viventi di Giacomo Balla a cura di Alessia Birri (partecipazione inclusa nel prezzo del biglietto)

Ore 15.00-17.00 - Una Moschea per Roma? a cura della Bristol University
Quali spazi per l'Islam a Roma? Una Grande Moschea monumentale, costruita tra gli anni '80 e il 1995 dall'architetto Paolo Portoghesi, ma anche una pluralità di spazi associativi usati dalle associazioni islamiche come luoghi di preghiera. Spazi informali tenuti con amore, ma spesso inadeguati a contenere una domanda crescente e a rappresentare degnamente una religione fondata sulla bellezza (max 50 persone; prenotazione: giuseppe.carta@bristol.ac.uk; la partecipazione al laboratorio da diritto al ridotto di 5€)

Ore 19.00 - presentazione del volume New Men's land. Storia e destino della Jungle di Calais di Gian Maria Tosatti, edito da DeriveApprodi. Intervengono: Gian Maria Tosatti (artista) - Nicolas Martino (filosofo/Opera Viva Magazine) - Giovanna Ferrara (giornalista/Il Manifesto).
Il libro racconta la storia della prima città fondata nel XXI secolo: la Jungle di Calais, nata all'inizio degli anni Duemila e distrutta nel 2016, perché al centro di una guerra di civiltà tra un'Europa delle nazioni che lotta per non morire e una nuova idea di mondo senza confini ancora troppo giovane per riuscire a difendersi. Nell'ultimo anno di vita di questo luogo complesso e controverso, l'artista Gian Maria Tosatti ha iniziato a illustrare, con scritti e opere, una prospettiva diversa sull'esistenza di quella che forse è stata, per alcuni anni, la vera capitale di un'Europa contemporanea, finalmente post-coloniale e fondata sui principi di libertà, uguaglianza e fraternità.

Domenica 21 maggio
Ore 16.00 - breve approfondimento delle opere del ciclo I viventi di Giacomo Balla: Il mendicante, Il Contadino, I Malati, La Pazza, a cura di Giuditta Sciamanna (partecipazione inclusa nel prezzo del biglietto)

Ore 17.00 - breve approfondimento delle opere del ciclo I viventi di Giacomo Balla: Il mendicante, Il Contadino, I Malati, La Pazza, a cura di Alessia Birri (partecipazione inclusa nel prezzo del biglietto)


Hai partecipato? Commenta ()

Banner La Taverna dei Corsari