Commedia in atto unico su pregiudizi e apparenze

La nuova commedia della Compagnia teatrale La notte porta consiglio.

Cosa lega un parco, una panchina, un vegetariano e un onnivoro, un barbone, un padre alle prese con un figlio un po' curioso, una stravagante giornalista e un malcapitato assistente sociale?

Apparentemente nulla, ma tutto è come appare?

"Siamo stati educati al pregiudizio e al fidarci solo delle apparenze. Abbiamo già troppi problemi, non abbiamo tempo per fermarci a capire, ad entrare in profondità alla questione".

L'esperienza, la conoscenza, il sapere, sono retaggi culturali che agiscono come filtri nelle relazioni umane, distorcendone di volta in volta la percezione, ingannando i sensi, creando di volta in volta mostri da combattere o eroi da mistificare.

"Va Così" parla di questo: ambientata all'interno di un parco, si alterneranno su una panchina diversi personaggi che offriranno le loro opposte visioni.

Non ci saranno solo personaggi rinchiusi nelle proprie ferme convinzioni; troveremo qualcuno che ha ancora voglia di aprire gli occhi al mondo: si tratterà di Saverio, un bambino di sette anni e mezzo (quasi otto).

I bambini a differenza degli adulti hanno voglia di capire, di approfondire ogni aspetto, senza fermarsi alla facciata o a idee precostituite.

Ma bisogna stare attenti alle risposte che diamo loro (come nel caso di Saverio), perché i bambini saranno pure liberi da pregiudizi, ma siamo noi adulti a favorirne la comparsa.

La ragione, la curiosità e una certa dose di cultura non fanno miracoli, ma possono sicuramente rimuovere questi filtri, abbattere muri e pregiudizi, riunire le coscienze. Per scoprire che, in fondo, siamo tutti simili. O no?

Diffidate delle apparenze!

Lo spettacolo, giunto alla sua terza replica romana, torna stavolta nella cornice del Nuovo Cinema Palazzo, nel quartiere San Lorenzo: un luogo con una grande valenza simbolica, che è stato restituito ai cittadini dai cittadini stessi, dove trovano spazio tantissime attività artistiche e sociali che hanno migliorato la qualità della vita nel quartiere e nella città.

"Tornare al Nuovo Cinema Palazzo per noi è un emozione grandissima - spiega l'autore e regista Francesco Ziccardi – è come recitare al Brancaccio o al Piccolo di Milano. L'ultima volta è stata cinque anni fa, con la prima commedia "Perché non sono nato Alberto?", fu una serata bellissima e ritornare adesso con "Va così" in uno dei centri di produzione e cultura più significativi della città, ci dà la stessa emozione "


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma